I mutui al 100% sono un tipo di finanziamento che è nato nei mercati anglosassoni ed è stato poi importato in Italia. In genere sono poco presenti nell’offerta degli istituti di credito italiani, perché vengono considerati piuttosto rischiosi dalle banche del nostro paese. E’ un tipo di prodotto pensato soprattutto per i giovani, ovvero per i soggetti che non hanno liquidità da versare come anticipo per il mutuo prima casa. Perché vengono considerati più rischiosi? Il motivo principale è legato al fatto che chi accende un mutuo per coprire l’intero prezzo di acquisto di immobile, non mostra capacità di risparmio e quindi aumenta il rischio che non sappia nel tempo garantire il rimborso del mutuo.

Come ottenere questo tipo di mutuo? Prima di tutto bisogna rivolgersi ad una banca che ne preveda l’erogazione. Non tutti gli istituti offrono questo prodotto ed in genere lo collegano a particolari target di clientela. Bisogna considerare poi che per questo tipo di prodotti bisogna pagare spread più elevati – ovvero interessi più alti – e in genere oneri maggiori – come la polizza fidejussoria che la banca d’Italia impone a tutti gli istituti di credito che erogano questo tipo di mutuo, per coprire la parte eccedente l’80% del valore dell’immobile.

Ricorrere a questo tipo di prodotto deve essere valutata bene, sia per gli aggravi in termini di costi, sia perché sarà difficile ottenere la surroga o la sostituzione del mutuo al 100%. Come potrete immaginare, oltre ai maggiori costi, chi vuole accedere a questo tipo di mutui deve presentare garanzie aggiuntive, come avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, o un doppio stipendio che entra in famiglia.

Nel momento in cui sto scrivendo offrono mutui al 100% la Banca popolare Etica, Veneto Banca, Banca Popolare di Bari e Intesa San Paolo. Nel tempo però le banche che offrono questo tipo di mutuo possono cambiare. I mutui al 100% possono essere a tasso fisso o variabile: visto che spesso hanno una durata molto lunga, il tasso fisso permette di mettersi al riparo da eventuali fluttuazioni dei mercati finanziari.