Il Modello 770 per la dichiarazione dei redditi può essere presentato secondo due modalità: semplificato e ordinario. La scelta della tipologia di Modello 770 da compilare è dettata da precisi prerequisiti richiesti dalla legge. In ogni caso, entrambi i documenti sono compilati dal sostituto di imposta – datore di lavoro oppure ente previdenziale – che con essi dichiara le ritenute applicate a stipendi, pensioni o altri redditi. Scopriamo allora quali sono le differenze tra Modello 770 semplificato e Modello 770 ordinario.

Modello 770 semplificato e ordinario: numero di soggetti coinvolti

In linea generale di può dire che il Modello 770 semplificato va presentato se la dichiarazione del sostituto di imposta riguarda un numero di soggetti superiore a venti; viceversa, il Modello 770 ordinario va presentato qualora il numero di soggetti sia inferiore a venti. Entrambe le dichiarazioni vanno però inoltrate all’Agenzia delle Entrate per via telematica.

Modello 770 semplificato e ordinario: chi deve presentarli

L’altra netta differenza tra Modello 770 semplificato e ordinario riguarda i soggetti che devono presentare il primo oppure il secondo. In linea di massima la suddivisione può compiersi secondo questo schema:

deve presentare il Modello 770 semplificato il sostituto d’imposta che ha corrisposto retribuzioni e somme per i quali ha trattenuto i contributi previdenziali e assistenziali e i premi assicurativi dovuti all’Inail. Fra i dati richiesti da inserire, vanno indicati:

i redditi da lavoro dipendente e redditi equiparati (come le pensioni)

  • il trattamento di fine rapporto (TFR)
  • prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione
  • redditi da lavoro autonomo – provvigioni e redditi diversi
  • i dati contributivi, previdenziali e assicurativi
  • i dati dei versamenti effettuati, dei crediti e delle compensazioni operate

deve invece presentare il Modello 770 ordinario il sostituto di imposta che ha effettuato:

  • ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale, operazioni di natura finanziaria e indennità di esproprio
  • versamenti effettuati, compensazioni operate e crediti d’imposta utilizzati