Il modello 770 è una dichiarazione con la quale i sostituti d’imposta comunicano all’Agenzia delle Entrate tutti i dati relativi alle ritenute effettuate durante un anno solare – così come i versamenti eseguiti, i crediti, le compensazioni operate e i dati contributivi e assicurativi. Questa dichiarazione può essere presentato in due forme: semplificato o ordinario.

Il modello 770 ordinario riguarda i sostituti d’imposta che devono sostituirsi all’erario quando i contribuenti percepiscono una rendita finanziaria. I condomini annualmente devono compilare invece il modello 770 semplificato. Questa dichiarazione serve per comunicare i dati fiscali relativi alle ritenute operate durante l’anno precedente a quello in cui viene redatto il modello – così come le compensazioni operate ed i crediti d’imposta utilizzati.

Il modello contiene i dati relativi alle ritenute operate su redditi di lavoro dipendente e assimilati, le indennità di fine rapporto, le prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione, i redditi di lavoro autonomo, le provvigioni, i redditi diversi, i dati contributivi, previdenziali e assicurativi, i dati che riguardano l’assistenza fiscale prestata, i dati dei versamenti effettuati e delle compensazioni operate.

Le istruzioni per la compilazione del modello 770 Semplificato le trovate a questo indirizzo – la fonte della guida è l’Agenzia delle Entrate. Quanto costa la compilazione del modello 770? Ovviamente si può fare solo una stima – il costo dipenderà da quanto sarà complesso redigere questa dichiarazione -: per questa dichiarazione si possono pagare fino a 150 o anche 200 euro. Per evitare di pagare troppo conviene farsi fare qualche preventivo. Ovviamente bisogna fare attenzione anche alla professionalità dell’intermediario, professionista o CAF, che si deve occupare dell’elaborazione e della trasmissione telematica del modello.