Della Mini-Imu se ne è parlato molto – direi persino troppo. Questa sovraesposizione sul tema potrebbe essere deleteria, perché in fase di determinazione dell’imposta e suo pagamento, si potrebbero fare degli errori che ci costerebbero caro. Per questo ho pensato di vedere passo passo quello che c’è da sapere per non sbagliare

La prima cosa da accertare ovviamente è Il primo passo è quello di stabilire se il nostro comune ha un’aliquota sulla prima casa oltre lo 0,4% – e in questo caso sarà necessario pagare. Come ho scritto in un post di qualche giorno fa, si può fare questa ricerca sul sito dell’Ifel. (Nella parte destra dell’homepage si trova la voce “Delibere e regolamenti aliquote Imu“).

Bisogna poi considerare che devono pagare l’imposta sia le abitazioni principali che quelle assimilate, come gli immobili sfitti di anziani o disabili ricoverati e residenti in case di cura, o l’abitazione principale italiana di persone residenti all’estero, di militari e forze dell’ordine. A questi casi bisognerebbe poi aggiungere le case in comodato ai parenti – ovviamente bisogna controllare cosa dice in proposito il regolamento comunale sull’Imu.

Il calcolo dell’imposta è presto detto: la base imponibile è rappresentata dalla rendita catastale dell’immobile di proprietà (più pertinenze) rivalutata del 5% e moltiplicata per 160. A questo valore bisogna applicare l’aliquota e le detrazioni comunali. Alla cifra così ottenuta bisogna sottrarre l’aliquota statale dello 0,4% e le relative detrazioni statali. Il risultato della sottrazione è la mini Imu da pagare.

Se non c’è una diversa delibera comunale, nulla è dovuto se l’importo è inferiore a 12 euro. Se ci sono due comproprietari, la soglia vale per ciascuno dei 2. Chi sceglie di pagare con il modello F24 deve ricordare che il codice tributo è il 3912, che bisogna barrare la casella “Saldo” e scrivere il codice 0101 nella casella rateazione. L’anno di riferimento è comunque il 2013. Infine nel “numero immobili” bisogna indicare anche le pertinenze – il totale quindi potrebbe arrivare a 4.
photo credit: Anton Novoselov via photopin cc