Tutti i Comuni italiani sono costretti a battere cassa in questo periodo visto che il Governo ha previsto una serie di tagli ingenti agli enti locali. Ecco allora, che in questa cornice, s’inserisce la volontà del comune di Milano di riscuotere le multe mai pagate. 

Il Comune di Milano, in questo momento, ha la necessità di riscuotere una serie di multe, registrate nel secondo semestre del 2009 e nel primo semestre del 2010. Multe che non sono mai state pagate all’amministrazione milanese. Adesso, prima che alcune contravvenzioni cadano in prescrizione, è necessario rimboccarsi le maniche.

Per portare a termine rapidamente la riscossione, il capoluogo lombardo si è affidato ad Equitalia che ha già emesso una sere di cartelle esattoriali per un valore complessivo di 97 milioni di euro.

Il Comune di Milano, ha spiegato la sua decisione in una nota pubblica: tutti questi soldi devono essere recuperati perché si tratta di denaro che potrebbe essere investito per la collettività. Con la metà degli introiti delle multe, infatti, si pagano gli interventi in opere e sicurezza stradale.

Soltanto pochi soldi, infatti, sono destinati all’acquisto di mezzi per la Polizia locale. Interessante il fatto che ci siano sempre meno errori nella notifica delle multe. Si è passati da un errore del 4,3 ad un errore del 3 per cento. Gli errori determinano un non pagamento delle multe da parte dei cittadini.