Continua tra alti e bassi la stagione delle trimestrali negli Stati Uniti. Nella notte Microsoft ha annunciato di aver chiuso il secondo trimestre del 2012 con la prima perdita trimestrale registrata dal 1986: 492 milioni di dollari, o 6 centesimi per azione, contro i 5,9 miliardi di dollari di utile dello stesso periodo dell’anno scorso.

Sul risultato ha impattato la svalutazione di un investimento avvenuto alcuni anni fa in una società specializzata nella pubblicità online. A pesare è stata infatti la svalutazione da 6,19 miliardi di dollari della divisione servizi on line dovuta all’acquisizione di AQuantive nel 2007 per 6,3 miliardi di dollari. Microsoft, dopo il lancio del tablet Surface, si prepara a far sbarcare sul mercato anche il nuovo sistema operativo Windows 8, che potrebbe dare nuovo impulso ai conti del colosso fondato da Bill Gates.

Google, balzo nel fatturato trimestrale

Nella notte ha presentato i risultati trimestrali anche Google. La società di Mountain View, cui fa capo il numero uno dei motori di ricerca, ha registrato un fatturato trimestrale in aumento del 35% grazie all’acquisizione da 12,5 miliardi di dollari, lo scorso maggio, di Motorola Mobility, azienda americana produttrice di telefonini e smartphone, e grazie al buon andamento della pubblicità on line, spinta da Youtube e dall’advertising su dispositivi mobili. Il risultato delle vendite trimestrali è salito così a 12,2 miliardi di dollari (di cui 1,25 miliardi attribuibili a Motorola Mobility), contro i 9,03 dello scorso anno. I profitti hanno invece raggiunto i 10,12 dollari per azione.