Silvio Berlusconi dalla campagna elettorale e fino ad oggi ha basato la sua campagna di marketing politico su poche idee ma chiare: la casa non si tocca (almeno la prima). Dal recupero nelle ultime elezioni e dai sondaggi sembra che abbia avuto ancora uno straordinario fiuto da venditore. Di quelli che riescono a vendere il ghiaccio agli eschimesi, perché l’Italia a livello europeo non tra i paesi con la maggior percentuale di proprietari di immobili nel Vecchio Continente.

L’Italia è al 18° posto in Europa con il 68,7% di proprietari. Sopra il nostro paese ci sono il Belgio (69,6%), il Portogallo (71,5%) e la Grecia (72,4%) , mentre subito sotto c’è la Finlandia (67,8%).

Ai primi posti della classifica troviamo soprattutto paesi che fanno parte dell’Europa dell’Est: Romania (96%), Lituania (92%) e Slovacchia (90%). Per trovare uno stato dell’Europa occidentale dobbiamo scendere all’ottavo posto, con la Spagna (82,7% di indice di proprietà).

Gli ultimi tre paesi della classifica sono la Francia (55,3%), l’Austria (47,7%) e la Germania (44,2%). Gli ultimi due paesi dell’Europa a 27 sono anche i soli da avere meno della metà della popolazione con un’abitazione di proprietà.

photo credit: ~jjjohn~ via photopin cc