Ancora debole il mercato del mattone in Italia: nel primo trimestre 2012 è calata la quota di agenzie immobiliari che hanno venduto almeno un immobile. Secondo il sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni condotto da Bankitalia da Tecnoborsa e dall’Agenzia del Territorio, tale percentuale è scesa al 63,8% dal 72,1% del trimestre scorso e dal 69,3% del primo trimestre 2011. In calo anche le abitazioni acquistate con un mutuo: il 60,4% nel primo trimestre 2012 contro il 63,7% dell’ultimo trimestre del 2011.

Salgono però gli incarichi a vendere il cui saldo è arrivato al 23,1% dall’11,2% della scorsa rilevazione. Il 69,1% degli agenti immobiliari, inoltre, ha segnalato un calo nei prezzi degli immobili, rispetto al 66,5% rilevato nell’indagine precedente; tale calo è stato quantificato nel 14,3% (a gennaio era il 13,7%). Anche le aspettative di prezzo sono prevalentemente per un calo, anche se la percentuale di chi si aspetta una diminuzione nel valore degli immobili è scesa dal 68 al 66,6%.

Leggero calo nella percentuale degli agenti immobiliari pessimisti: ad attendersi un peggioramento delle prospettive a breve termine sono il 57% degli addetti ai lavori (contro il 61% rilevato in precedenza).