Secondo l’Istat nell’anno passato i prezzi delle case sono scesi mediamente del 5,6% – un calo doppio rispetto a quello registrato nel 2012 (che si era chiuso con un -2,8%). La riduzione dei prezzi però non sembra attirare i compratori, visto che le compravendite immobiliari nel 2013 sono diminuite del 9,2%. Il calo delle quotazioni immobiliari, nel solo 4° trimestre 2013, è stato dell’1,3% rispetto al trimestre precedente, e del 4,8% nei confronti dello stesso trimestre del 2012.


Ovviamente i cali continui dei prezzi, uniti ad una situazione un pochino più distesa sul terreno dei mutui ha determinato una crescita della domanda di mutui delle famiglie italiane. Secondo il barometro Crif il mese di marzo ha registrato un nuovo aumento delle domande di mutuo: siamo ad un rispettabile  +10% rispetto a marzo 2013 (il calcolo tiene conto del diverso numero di giorni lavorativi. Nell’ultimo trimestre è la seconda volta in cui si verifica una crescita a doppia cifra.

LEGGI ANCHE
Mercato immobiliare 2014: come vendere casa in tempo di crisi
Mercato immobiliare: prezzi case giù del 5,3% su base annua, nel 2014 continueranno a scendere
Mercato immobiliare crisi 2013: quasi -30% a fine 2012, livello più basso dal 1985

photo credit: pierpagodot via photopin cc