Il Rent to Buy è una forma di acquisto della casa dilazionata – importata dagli Stati Uniti – che si realizza  con la stipula contemporanea di due contratti tipici - ovvero di due contratti previsti e normati dal nostro codice civile – che sviluppano effetti autonomi: un preliminare di compravendita ed un contratto di locazione.

Con questa tipologia atipica d’acquisto, il futuro proprietario entra nell’immobile che ha scelto di acquistare versando un acconto del 5-6% del prezzo pattuito per il bene. Per un certo periodo di tempo poi, il compratore versa al venditore un canone mensile che viene considerato solo in parte come un affitto, mentre l’altra parte viene considerata come anticipo del prezzo concordato. Dopo 3-5 anni di questa accumulazione avverrà il rogito, e in questa occasione il compratore dovrà versare quanto manca – normalmente l’80-85% del prezzo pattuito, grazie ad un mutuo liberamente scelto.

Un esempio può aiutare a capire meglio quanto vi abbiamo spiegato prima. Supponiamo di acquistare un appartamento nuovo da un costruttore. Il prezzo dell’immobile è pari a 150.000 euro. Chi intende comprare l’appartamento versa il 6% di acconto iniziale – ovvero 9.000 euro – , e poi 1.062 euro al mese per tre anni,  che vengono considerati in parte (ovvero 562 euro) come anticipo della somma complessiva da versare.

Dopo tre anni sono stati accantonati/versati 22.500 euro. Al momento del rogito resteranno da versare 127.500 euro. Questo nuova forma di acquisto di un immobile presenta diverse problematiche da risolvere. Per esempio, bisogna registrare entrambi i contratti presso l’Agenzia delle Entrate, ed il preliminare d’acquisto deve essere trascritto presso la Conservatorio dei Registri Immobiliari. Questa operazione può essere fatta solo da un notaio e serve per rendere il preliminare opponibile nei confronti di terzi, e quindi serve per tutelare l’acquirente in caso di fallimento o decesso del venditore, oppure ancora per un’aggressione del bene in caso di pignoramento.

Resta poi da vedere cosa scrivere nel preliminare di vendita in caso di ritardi o mancati pagamenti del canone mensile.

photo credit: nicolas.boullosa via photopin cc