L’Ufficio Studi di Tecnocasa si dimostra ottimista, perché anche per il mercato immobiliare italiano intravede segni di un’inversione di tendenza – nonostante le quotazioni immobiliari, nel primo semestre 2013,  mostrino ancora il segno meno. Andando nello specifico, l’analisi dei prezzi vede una riduzione del 4,7% per le grandi città e del 5% nei capoluoghi di provincia.

Il valore medio nasconde ribassi più significativi (come quello di Verona con il suo -7,9%) e oscillazioni più limitate (Napoli con il suo -3%). Se si passa all’analisi per aree geografiche, il Nord registra un -4,8%, il Sud un -4,6%, e il Centro una riduzione dei prezzi del 6%. Tra gli immobili acquistati, il 77,1% riguardano la prima casa, il 17,1% è ad uso investimento e il 5,8% riguarda invece l’acquisto di immobile per le vacanze.

Quali sono i motivi di ottimismo? Rispetto all’anno scorso, ora le agenzie del Gruppo Tecnocasa segnalano l’aumento degli appuntamenti di visita e maggiore decisione nelle scelte di acquisto. Chi vuole acquistare ora non aspetterebbe l’evoluzione del mercato immobiliare, perché probabilmente pensa che la riduzione dei prezzi abbia reso ormai appetibili gli immobili e che l’offerta sia ormai ampia…

A quanto sembra poi i proprietari sarebbero ormai più propensi ad abbassare le loro pretese per vendere i loro immobili. I tempi di vendita a luglio 2013 sono pari a 178 giorni nelle grandi città, 207 nella periferia delle grandi città e 198 nei capoluoghi di provincia. Più o meno gli stessi tempi di sei mesi fa e in diminuzione rispetto a dodici mesi fa.

Per i prossimi mesi Tecnocasa prevede ancora dei segni meni, per cui il 2013 si chiuderà con valori compresi tra il -6 ed il -8%. Le compravendite vomplessive dovrebbe essere comprese tra le 420 e le 450.000 potrebbero oscillare tra 420 e 450 mila transazioni. Occorrerà vedere come andrà nei prossimi mesi l’erogazione del credito alle famiglie e se i piccoli segnali di apertura intravisti alla fine del primo semestre si confermeranno o meno nella seconda parte dell’anno.
photo credit: omnia_mutantur via photopin cc