Luxottica entra in Salmoiraghi Viganò. Le due società hanno trovato un accordo che prevede la salita del gruppo di Agordo al 36% della principale catena di ottica italiana attraverso un aumento di capitale da 45 milioni di euro.

L’operazione, ha fatto sapere l’azienda guidata da Leonardo del Vecchio e anticipata nei giorni scorsi da diverse indiscrezioni di stampa, è finalizzata a dotare Salmoiraghi & Viganò di risorse per ristabilire l’equilibrio finanziario e supportarne la crescita futura. Luxottica non avrà alcun ruolo gestionale nella catena mentre l’intesa prevede, a partire dal 2017, un meccanismo di call option reciproche di entrambi i partner a valere sulla quota dell’altro.

Una mossa volta a salvaguardare l’italianità dell’azienda e fermare l’espansione degli stranieri. Così ha giustificato l’operazione Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica, sulle colonne del Il Sole 24 Ore. Il Ceo ha poi spiegato che dopo Salmoiraghi & Viganò e Alain Mikli, al momento non sono attese altre operazioni.