(Finanza.com) Luxottica continua ad occupare l’ultimo posto a Piazza Affari, al momento unico titolo in negativo. Delfin, società controllata da Leonardo Del Vecchio, ha annunciato ieri sera un accelerated bookbuilding per cedere fino a 33 milioni di titoli della società, pari a circa il 7% del capitale. La quota di controllo scenderà quindi dal 66% attuale fino a un minimo del 59%. “Post cessione del 7% di Luxottica (cash-in di circa 1 miliardo di euro) è ragionevole ritenere che Del Vecchio decida di arrotondare quote in altre società in cui già detiene una partecipazione partecipate”, commenta Equita nella nota odierna. “In pole position vediamo Unicredit, nella quale il patron dell’azienda era già salito sopra il 2% aumentando di circa lo 0,5% la quota a metà luglio e Generali, di cui detiene il 2%. Per entrambi i titoli l’eventuale arrotondamento della quota potrebbe preludere a qualche riassetto di governance, con riflessi positivi sulle valutazioni. In seconda piano ci potrebbe essere un ingresso in Mediobanca, alla luce dei pacchetti che potrebbero essere messi in vendita da alcuni soci”, conclude la Sim milanese che conferma la raccomandazione d’acquisto (“buy”) e il target price a 32 euro. L’azione cede il 5,81% a 27,7 euro.