I problemi per il fondo monetario internazionale non sono finiti. In questi giorni i commissari della Lagarde stanno mettendo sotto osservazione i conti italiani ma devono anche ascoltare degli SOS. A lanciare un grido d’aiuto stavolta è un paese che finora non era stato in vetta alle notizie diffuse dai media. Si tratta dell’Ungheria e a raccontare la cosa è proprio Christine Lagarde.

Mentre i commissari del Fondo Monetario Internazionale tengono d’occhio l’Italia, su richiesta dei nostri stessi politici, preoccupati della ventata speculativa che si sta abbattendo sulle economie del Vecchio Continente, c’è un altro paese che chiede l’intervento del FMI.

Stavolta però non si tratta certo di un aiuto analitico. Stando all’annuncio fatto dalla Lagarde, l’Ungheria ha chiesto al Fondo Monetario Internazionale un aiuto economico. Le autorità ungheresi, cioè, hanno chiesto di avere assistenza finanziaria.

Una richiesta simile, da parte delle autorità ungheresi, è arrivata anche alla Commissione Europea ma questo paese che probabilmente attraversa una crisi di liquidità, è pronto ad attingere da entrambi i rubinetti.

Adesso quindi è in programma un incontro tra il team del Fondo Monetario e l’esecutivo ungherese. È probabile che la squadra dell’FMI si rechi presto a Budapest ma prima saranno definiti gli obiettivi di una possibile azioni del Fondo in Ungheria.