Il modello RLI (Registrazione Locazioni Immobiliari) è il modulo unificato che deve essere utilizzato per effettuare differenti adempimenti fiscali legati alla registrazione dei contratti di locazione e di affitto immobiliare. Il modello RLI  è stato introdotto nel 2014, andando a sostituire il vecchio modello 69 ed è utilizzabile.

Ora l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato il modulo RLI: il provvedimento direttoriale n. 112605/2017 ha approvato il nuovo modello per la “Richiesta di registrazione e adempimenti successivi – contratti di locazione e affitto di immobili” (modello RLI), le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione in via telematica.

Il nuovo modello può essere utilizzato per richiedere la registrazione, comunicare proroghe, cessioni, subentro e risoluzioni dei contratti di locazione e affitto di beni immobili, nonché esercitare o revocare l’opzione della cedolare secca. Con il modello RLI è consentita anche la contestuale registrazione dei contratti di affitto dei terreni e degli annessi titoli PAC, nonché la possibilità di comunicare il subentro nel contratto di locazione, ad esempio in caso di successione mortis causa.

Il modello RLI è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate insieme alle relative istruzioni.