Cosa vi suggerisce l’idea delle lettere? Probabilmente le corrispondenze epistolari dell’Ottocento che hanno dato il la ad una serie di romanzi molto indicativi per la ricostruzione del mal du siécle. Oggi le lettere riportano la memoria indietro nel tempo. 

L’Economist che non è nuovo ad analisi interessanti su servizi e consumi, sia in riferimento al panorama statunitense, sia in riferimento al panorama mondiale, ha fatto un riepilogo sui costi d’invio di una lettera tradizionale, quella affrancata e spedita tramite il servizio postale.

Siamo lontani dall’invio massivo delle email anche per comunicare inviti e quant’altro. Bene, Gli Stati Uniti sono il paese in cui inviare una lettera costa meno rispetto a tutto il resto del mondo industrializzato. Ma il settore postale deve fare i conti con una decrescita che comporta perdite pari a 25 milioni di dollari al giorno.

Il Congresso americano, quindi, sta studiando una legge per ridurre il numero degli uffici postali e sospendere il servizio stesso nella giornata di sabato.

A livello storico si segnala che il paese in cui fu introdotto il primo francobollo della storia, il Regno Unito del 1840, oggi mandare una lettera costa 122 volte in più che in passato. In Italia, invece, se si considera il prezzo in dollari di un francobollo (0,79 $), si scopre che i prezzi sono addirittura calati.