Cosa contiene la legge di Stabilità? Rispondere alla domanda non è cosa semplice. Uno dei pochi punti fermi è la proroga a tutto l’anno che verrà – il 2015 – della detrazione Irpef al 50% per le ristrutturazioni edilizie – oltre che per i mobili ed i grandi elettrodomestici -, e del 65% per i lavori edilizi che garantiscono un risparmio energetico qualificato.

Da rilevare che a differenza dell’anno passato, gli interventi edili antisismici effettuati nel 2015 potranno ottenere una detrazione del 50% – contro il 65% del 2014 -, mentre i lavori di efficienza energetica sulle parti comuni di un condominio godranno di un bonus fiscale del 65% se avverranno entro il 31 dicembre 2015  - con la precedente legge di stabilità il limite era del 30 giugno 2015.

L’ultima ex-Finanziaria ha anche stabilito che dal 2016 i lavori per aumentare l’efficienza energetica delle parti comuni di un condominio non godranno di alcuna detrazione (ma nel frattempo molte cose potrebbero cambiare). Viste le proroghe non sarà necessario cambiare le norme da indicare nei bonifici: per il risparmio energetico qualificato, il riferimento è sempre quello dell’articolo 1, commi da 344 a 347 della Legge 296/2006. Per il resto, ovvero ristrutturazioni edilizie e misure antisismiche e l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici il riferimento è sempre l’articolo 16-bis del Tuir.

Ricordate poi che la proroga non ha modificato nemmeno la spesa massima che può essere oggetto di detrazione: continuerà ad essere pari a 96.000 euro fino alla fine dell’anno prossimo. dal 2016 il limite tornerà ad essere pari a 48.000 euro. 

(photo credit by Infophoto)