Tra le pieghe della nuova legge di stabilità ci sono anche delle brutte sorprese. Una di queste riguarda la modifica del meccanismo che consente di ottenere rimborsi rapidi se il credito d’imposta è superiore ai 4.000 euro. Dal prossimo anno, se il nostro credito non supera tale livello continuerà ad essere possibile ottenere il rimborso dal sostituto d’imposta nel mese di luglio – o ad agosto e settembre nel caso dei pensionati. Se ci troviamo ad avere un credito verso l’erario superiore ai quattromila euro, il rimborso verrà effettuato direttamente dall’Agenzia delle Entrate.

Quali saranno i tempi per riavere i nostri soldi? Si presume che il Fisco restituisca il denaro dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello della presentazione della dichiarazione. Facile aspettarsi tempi biblici, se non verrà modificata la legge, perché non viene indicata alcuna data di scadenza.

I pagamenti verranno fatti solo dopo lo svolgimento di controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate, che partiranno dal 2014, ovvero a partire dai modelli 730 presentati nel prossimo anno per i redditi relativi al 2013. Ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate deve provvedere a pagare l’intero credito d’imposta, e non solo la somma che eccede i 4.000 euro…

photo credit: Fibonacci Blue via photopin cc