(Finanza.com) La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso accumulando le perdite dopo le parole di Ben Bernanke, che ha dichiarato che la Fed è pronta ad agire ma ha evitato dettagli sulle prossime mosse, in particolare sul QE3 tanto atteso dal mercato. La Federal Reserve ha inoltre rivisto al ribasso l’outlook sull’economia Usa. Secondo le stime annunciate oggi in occasione dell’incontro semestrale al Congresso, il Pil Usa crescerà dell’1,9-2,4% nel 2012 e del 2,2-2,8% nel 2013. “Queste previsioni sono più basse rispetto a quelle formulate a gennaio, riflettendo il tono generalmente deludente dei dati recenti”, si legge nella nota diffusa poco fa dalla banca centrale americana. Boccata d’ossigeno per la Spagna che ha collocato con successo titoli a 12 e 18 mesi i cui rendimenti sono calati in maniera decisa. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,94% a 13.536 punti.