(Finanza.com) Ritracciamento in atto per le Borse del Vecchio continente, che dopo un’ora e mezza dall’apertura sono scese sui minimi di seduta. Il Dax perde lo 0,24% a 6756 punti (dopo un minimo a 6741) e il Cac40 segna un +0,35% a 3303 punti (con un minimo a 3.296 punti). Milano fa peggio, con il Ftse Mib in flessione dello 0,61% a 13.805 punti. Il movimento avviene in corrispondenza della diffusione di alcune dichiarazioni del governatore della Bundesbank, Weidmann, riportate da Bloomberg, secondo il quale i governi starebbero sovrastimando le possibilità della Bce, con quest’ultima che non deve comunque andare oltre il proprio mandato.