Qualche giorno fa abbiamo stabilito l’ennesimo record sulla disoccupazione giovanile, mentre il tasso globale sembra essersi stabilizzato sul livello record del 12,5%. In attesa che il governo Letta faccia qualcosa di più per bloccare questa drammatica emorragia, la società di ricerche Markit Economics rileva segnali interessanti nell’attività delle industrie manifatturiere a novembre.

Nel mese appena finito, le rilevazioni effettuate presso i responsabili degli approvvigionamenti delle aziende manufatturiere mostrano livelli di attività ai massimi degli ultimi trenta mesi. Il Purchasing managers’ index (Pmi) della Markit si è attestato sui 51,4 punti, contro i 50,7 di ottobre – e in queste rilevazioni il livello dei 50 punti è quello che delimita la crescita dalla recessione.

Da segnalare poi che per la prima volta negli ultimi due anni le aziende manufatturiere della penisola siano tornate ad assumere. Il Pmi nell’area euro ha segnato i 51,6 punti, contro i 51,3 del mese precedente, e le attese di 51,5 punti.

photo credit: Gianni Dominici via photopin cc