Il 32% dei responsabili del Personale in Italia ritiene che i prossimi eventi sportivi, ossia il Campionato Europeo di calcio 2012 e i giochi olimpici, avranno un impatto positivo sul morale e sulla motivazione dei lavoratori. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto dalla società di ricerca di personale qualificato Robert Half International su un campione di 100 responsabili delle risorse umane.

I numeri della rilevazione

Circa un terzo dei manager intervistati considera tali eventi sportivi molto utili sia per migliorare i rapporti e le relazioni tra colleghi sia per rafforzare i team di lavoro. E’ infatti in queste occasioni che le aziende possono incrementare lo spirito di gruppo fra i collaboratori anche organizzando eventi aggregativi interni in cui i dipendenti di ogni livello possano condividere le competizioni più importanti migliorando la reciproca conoscenza e le relazioni interne. Solo l’8% dei dirigenti non vede di buon occhio tali manifestazioni, considerandole come possibili minacce alla concentrazione dei dipendenti e favorire perdite di tempo, mentre il 48% ritiene che non vi sarà alcun effetto sul normale andamento lavorativo dell’impresa.

“Le manifestazioni sportive possono offrire numerose occasioni alle imprese per accrescere la motivazione professionale e la coesione dei team”, spiega Carlo Caporale, Associate Director di Robert Half. “E’ centrale per le aziende riuscire a trasformare potenziali distrazioni in un momento di aggregazione positivo fra i dipendenti. E’ noto che spesso vengono appositamente create situazioni di svago all’interno di ambienti di lavoro al fine di stimolare il team building fra i collaboratori di funzioni e livelli differenti con ricadute molto stimolanti a livello professionale e in termini di obiettivi lavorativi.”