Quattro italiani su 10, il 42 per cento delle persone occupate in Italia teme di perdere il proprio lavoro. Questa è la notizia che arriva dall’Osservatorio della Confesercenti-Ispo.Non solo cercare lavoro è difficile, ma perdere l’occupazione è un’eventualità che sta dietro l’angolo e mette in crisi molti lavoratori. Ecco allora che ha fatto la fotografia a questo stato d’animo l’Osservatorio Confesercenti-Ispo.

Il risultato è che i giovani lavoratori temono di perdere l’occupazione e sono molti quelli che condividono la paura. Si parla del 42 per cento di coloro che almeno al momento dell’intervista, potevano contare su una qualche forma di reddito.

Ma lo scenario è reso ancor più triste dal fatto che la paura si unisce al pessimismo degli intervistati che si affrettano a dire che non credono che stia finendo la crisi economica. A pensarlo sono 96 persone su 100.

I più timorosi, anche qui sono i giovani. Le speranze di ripresa sono ai minimi storici anche se non si tiene conto della “svolta” percepita dall’Europa con l’introduzione del governo tecnico di Monti. Di fatto nel 2012 quelli che pensano che possa esserci una ripresa sono soltanto il 19 per cento.

Sono invece il 49% gli intervistati che considerano come l’anno venturo ci possa essere un peggioramento delle condizioni del proprio nucleo famigliare.