Dopo la battuta di Tremonti sulla ripresa spagnola collegata alle elezioni anticipate a qualcuno è venuta la curiosità di andare a vedere come se la passano i nostri vicini di casa scoprendo che sono stati emessi molti bond, è cresciuto il rendimento dei titoli e sono calati i tassi.Dalla Spagna sono stati immessi sul mercato titoli per circa 4,499 miliardi di euro a 3-4 anni. I tassi d’interesse sono apparsi in flessione rispetto alle precedenti emissioni. Il fatto è che è cresciuta la domanda di questi titoli, arrivando a quota 8,6 miliardi di euro.

L’asta era partita con un obiettivo ambizioso e si può dire che sia stato raggiunto. In più vista la previsione del rendimento dei titoli di stato, sembra chiaro che sta risalendo il livello di fiducia degli investitori.

Questi valutano positivamente i provvedimenti dell’Unione Europea che ha deciso di prendere una posizione netta per contrastare la crisi del debito sovrano degli stati.

Il rendimento medio dei titoli che scadono nell’aprile del 2014 è del 3,589% mentre nell’asta precedente era più elevato: al 4,813 per cento. Stessa cosa per le obbligazioni che scadranno ad ottobre 2014. Il rendimento medio calcolato nell’ultima asta è del 3,495, mentre l’asta precedente a luglio aveva fatto contare un rendimento del 4,291 per cento.