Con l’inizio di marzo non ci sarà alcun aumento del prezzo delle sigarette. La notizia che è stata ripresa da diversi blog ed è rimbalzata soprattutto sui social network è solo l’ultima delle bufale nate in rete con il solo obiettivo di fare traffico. Rispetto al passato si può dire che questa volta il pacco era confezionato bene visto che conteneva pure una falsa dichiarazione di Matteo Renzi – “piccoli sacrifici che gli italiani sono ben disposti a fare” – e un’indicazione degli aumenti pacchetto per pacchetto – compreso il trinciato.

Le Marlboro dovrebbero venire a costare “la bellezza di 10 euro e 60 centesimi“, comunque meno dei 12 euro a pacchetto di Davidoff e Dunhill, mentre le marche meno colpite sarebbero – non si sa perché – Diana (6,5 euro), Benson & Hedges e Muratti (6 euro). Pure i pacchetti di tabacco da rollare verrebbero a costare tra i 7 ed i 12 euro. Sul tema bisogna ancora aggiungere un paio di cose. Spesso queste novelle catene di Sant’Antonio nascono da post pubblicati su siti che si considerano “blog satirici“.

In questo caso la bufala sembra sia nata da un post pubblicato da La Sera che al fondo di ogni pagina scrive che “La Sera non è un sito giornalistico, si tratta semplicemente di un blog satirico e irriverente, che si diverte a prendere in giro e trollare la gente. Se per purissimo caso, il vostro senso dell’umorismo non riuscisse a cogliere la nostra comicità ‘volutamente e sproporzionatamente’ esagerata, comunicatecelo e provvederemo a migliorare i nostri contenuti“.

in casi come questi la prassi da seguire sarebbe quella di cercare più notizie dello stesso genere da diverse fonti – e almeno alcune di queste devono essere attendibili, ovvero testate affermate.