(Finanza.com) Le perdite finali su derivati di JPMorgan potrebbero raggiungere la cifra ‘monstre’ di 9 miliardi di dollari. A rivelarlo il New York Times, che cita una proiezione interna alla banca. L’allarme derivati per il colosso bancario Usa è scattato a maggio quando l’amministratore delegato, Jamie Dimon, ha reso noto che il gruppo ha accusato perdite sui mercati finanziari per complessivi 2 miliardi di dollari.