Gli italiani non abbandonano il lavoro nemmeno in vacanza. Da una ricerca internazionale condotta dal sito lastminute.com, basata sui dati raccolti in nove differenti Paesi europei (Gran Bretagna, Francia, Irlanda, Spagna, Italia, Germania, Svezia, Norvegia e Danimarca, emerge che gli italiani e gli irlandesi sono quelli che lavorano di più durante le ferie. L’indagine rivela che 3 italiani su 4 (75%) rimangono in contatto con l’ufficio. La lista degli stakanovisti vede nei primi posti anche gli spagnoli (66%), i norvegesi (63%) e i danesi (58%). Più tranquilli i cugini d’oltralpe: circa un francese su due, infatti, dimentica l’ufficio una volta in vacanza (51%). Chiudono la classifica tedeschi, inglesi (entrambi con il 45%) e  svedesi (43%), che fra tutti, sono senza dubbio gli europei che si godono le ferie con più tranquillità.

In particolare, in Italia ad essere i meno propensi a staccare dall’ambiente di lavoro sono gli uomini (77%) rispetto alle donne (72%), mentre sono i 25-35enni (84%) coloro che sentono di più il legame con l’ufficio anche durante le vacanze. Sono sempre gli abitanti del Belpaese a detenere un ulteriore primato tra gli europei: quello dei lavoratori più disponibili ad essere contattati dal capo durante il periodo vacanziero (74%).

Che si tratti di senso del dovere o voglia di apparire brillanti agli occhi del proprio capo, quali sono effettivamente i motivi? Secondo lo studio di Lastminute.com la ragione principale per gli italiani è che in ufficio c’è sempre molto da fare e non si desidera che il lavoro si accumuli (37%), seguita dal fatto di essere sempre molto impegnati in lavori che vanno sbrigati in prima persona (32%) e dal senso di responsabilità che porta a rendersi sempre reperibili, anche durante le ferie (28%). La paura di essere licenziati nel caso si decidesse di spegnere il telefono aziendale non è una delle motivazioni principali per gli italiani (7%), anche se sembra intimorire di più spagnoli (14%), irlandesi (10%), tedeschi (10%) e inglesi (9%).

Occorre però sfatare il mito del lavoro legato solo ad una connotazione negativa:  a sorpresa il 19% degli italiani confessa di non staccare completamente la spina durante le ferie semplicemente perché ama il proprio lavoro e non riesce a farne a meno.