(Finanza.com) La nota dell’Istat sulle prospettive per l’economia italiana nel 2012-2013 rimarca come la maggiore partecipazione al mercato del lavoro osservata a partire dalla fine del 2011 sta alla base del rilevante incremento del tasso di disoccupazione previsto per quest’anno (10,6%). Nel 2013 il tasso di disoccupazione è stimato ancora in salita all’11,4% “a causa del contrarsi dell’occupazione, fenomeno cui si dovrebbe accompagnare un aumento dell’incidenza della disoccupazione di lunga durata”.