In lieve calo, sui nuovi minimi a un anno e mezzo, rendimenti dei Bot semestrali collocati oggi. Il Tesoro ha allocato con successo Bot a 6 mesi per 8,5 miliardi di euro al rendimento medio dell’1,119% dall’1,202% della precedente asta di titoli con analoga durata risalente a fine febbraio. Si tratta del nuovo rendimento minimo dal settembre 2010. La domanda è stata pari a 1,512 volte il quantitativo offerto rispetto al bid-to-cover di 1,357 dell’asta di titoli semestrali tenuta lo scorso mese.

Dopo l’asta lo spread tra Btp decennale e Bund si è portato sui minimi intraday a 317 punti base.  Domani saranno emessi invece Certificati di credito del tesoro indicizzati al tasso euribor a sei mesi (Ccteu) con scadenza 2017 per 2-2,5 miliardi di euro e Buoni del tesoro poliennali 2017 e 2022. Il quinquennale sarà immesso sul mercato per 1,75-2,5 miliardi mentre il range per il Btp a 10 anni varia tra i 2,25 ed i 3,25 miliardi.

Anche a febbraio banche italiane acquistano in massa bond governativi

Le banche italiane si sono confermate anche a febbraio forti acquirenti di titoli di Stato italiani. Secondo i dati della Bce, gli istituti di credito italiani hanno acquistato a febbraio bond governativi per aggiuntivi 23 miliardi di euro portando le consistenze a un totale di 310,6 miliardi di euro. Acquisti delle banche favoriti dai prestiti a 3 anni garantiti dalla Bce attraverso le aste Ltro tenute il 21 dicembre 2011 e il 29 febbraio 2012.