Dal 15 aprile sarà possibile accedere al proprio 730 precompilato – se non sapete come accedere alla vostra dichiarazione dei redditi online vi rimandiamo al primo dei link che trovate in fondo a questo post. I contribuenti – circa 20 milioni – per cui è stato predisposto questo modello avranno la possibilità di  visualizzare:
- il modello 730 precompilato;
- l’imposta da pagare o il rimborso che riceveranno;
- il modello 730-3 con il dettaglio dei risultati della liquidazione;
- un prospetto con l’indicazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nella dichiarazione (verrà indicato anche quali fonti sono state utilizzate per l’elaborazione del 730).

I contribuenti a questo punto hanno la possibilità di accettare la dichiarazione così com’è – ed in questo modo si evitano i controlli dell’Agenzia delle Entrate (questa possibilità l’anno scorso riguardava solo il 5% dei destinatari del modello precompilato) – oppure modificarla. La variazione del contenuto del 730 precompilato può essere fatta direttamente dal contribuente nell’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle Entrate (e nella stessa sezione del sito internet, viene messa a disposizione del contribuente la ricevuta di avvenuta presentazione.), oppure ricorrendo al tramite di un Caf o di un professionista abilitato - e in questo caso devono rilasciare copia del modello e della ricevuta di presentazione del modello.

Nel secondo caso  i controlli documentali saranno effettuati nei confronti del Caf o del professionista anche sugli oneri detraibili e deducibili che sono stati comunicati all’Agenzia delle entrate. Bisogna ricordarsi che il modello 730 precompilato dovrà essere inviato attraverso il sito internet dell’Agenzia delle Entrate, oppure attraverso un Caf, un professionista abilitato o un sostituto di imposta entro il termine del 7 luglio.

LEGGI ANCHE
730 precompilato 2016: come verificarlo dal 15 aprile
Scadenza 730: cosa fare se non si riesce a rispettare il termine