FinecoBank, la banca multicanale di Unicredit, ha ottenuto l’approvazione del prospetto relativo all’offerta pubblica di vendita da parte della Consob, dopo che mercoledì Borsa Italiana aveva approvato l’ammissione alla quotazione delle azioni della banca presieduta da Alessandro Foti.
Le azioni ordinarie che Unicredit, socio unico di Fineco, conta di collocare sul mercato sono 181.883mila, il 30% del capitale sociale.

Unicredit resterà azionista di Fineco anche dopo la quotazione, con una partecipazione pari al 70% del capitale nel caso di collocamento integrale delle azioni oggetto dell’opv senza esercizio dell’opzione greenshoe e al 65,5% in caso dell’eventuale esercizio integrale di quest’ultima.
Il gruppo guidato da Federico Ghizzoni, per la raccolta di manifestazioni di interesse da parte degli investitori istituzionali, d’intesa con le banche coinvolte nel collocamento delle azioni di Fineco e sulla base delle analisi di Ubs Investment Bank, Mediobanca e Unicredit Corporate&Investment Banking, coordinatori dell’offerta, ha individuato il valore del capitale della banca multicanale tra un minimo non vincolante di 2,12 miliardi di euro ed un massimo vincolante di 2,66 miliardi, equivalenti, rispettivamente, ad un minimo di 3,5 euro ed un massimo di 4,4 euro per azione (il prezzo massimo per azione).

Il collocamento istituzionale e l’offerta pubblica di vendita avranno inizio lunedì prossimo, 16 giugno, per terminare il 26 giugno 2014.
Le richieste di adesione all’opv dovranno presentarsi esclusivamente presso i collocatori, per quantitativi minimi di 1.000 azioni o suoi multipli, o per quantitativi minimi di 10mila o suoi multipli.
Il pagamento delle azioni assegnate dovrà effettuarsi entro il 2 luglio 2014 presso il soggetto collocatore che ha ricevuto l’adesione, senza aggiunta di commissioni o spese a carico dell’aderente (foto by InfoPhoto).