C’è chi investe nella compravendita delle valute, c’è chi approfitta delle opzioni binarie e chi ancora preferisce rifugiarsi nei titoli di stato dal rendimento assicurato. Ma c’è anche chi investe nell’acquisto di moto ed auto d’epoca. Parliamo di questi investimenti.

Comprare una moto oggi può essere considerata anche una scelta folle se si punta a modelli ipertecnologici e performanti. Comprare una moto, però, nel momento in cui si sceglie un modello d’epoca, è a dir poco un investimento.

Forse si tratta di una giustificazione usata dagli amanti delle due ruote, sicuramente l’investimento è tale quando si punta su modelli da collezione, peccato che l’investimento iniziale sia ingente.

Il mercato delle moto d’epoca, negli ultimi anni, è stato molto sofferente, ha risentito della crisi internazionale del comparto motori. In questo modo, però, ha contribuito a mantenere alte le quotazioni delle moto prodotti in edizioni limitate.

Tanto per avere un’idea si va dai modelli di fascia medio bassa che costano tra i 15 e i 20 mila euro, fino a modelli molto costosi che hanno caratteristiche davvero particolari. Gli affari, comunque, si fanno con i grossi marchi e con i modelli introvabili, per esempio quelli che risalgono al periodo della Prima e della Seconda Guerra Mondiale.