Gli Etf (Exchange traded-fund cioè “fondi scambiati in Borsa”) sono fondi comuni scambiati nelle Borse come azioni. Questi prodotti replicano un indice relativo ad un mercato, un settore, un paniere di materie prime o ancora un’area geografica. Una differenza rilevante – oltre alla compravendita in borsa – e che i fondi comuni – come i comparti delle Sicav – sono normalmente a gestione attiva, mentre un Etf è a gestione passiva – ovvero i primi effettuano scelte di portafoglio che si differenziano dagli indici di mercato al fine di aggiungere valore e quindi performance al fondo, mentre i secondi replicano fedelmente un preciso indice di mercato.

La gestione attiva comporta un maggior peso in termini di costi, ma non garantisce maggiori performance ai fondi che usano questa strategia. Gli Etf hanno costi più contenuti e nella maggior parte dei casi rendimenti migliori dei fondi comuni corrispondenti. Gli ETF non prevedono commissioni d’entrata, uscitaperformance. Questi strumenti hanno pure una maggiore liquidità, visto che possono essere venduti in borsa in qualsiasi momento.

Un’altra caratteristica molto interessante è che gli ETF prevedono la possibilità di liquidazione periodica dei dividendi incassati dai titoli detenuti in portafoglio - che infatti i fondi stanno imitando negli ultimi tempi…

photo credit: epicharmus via photopin cc