Dopo avere perso terreno venerdì per i dubbi sull’approvazione nel fine settimana del Parlamento greco del piano di austerity voluto da Unione Europea e FMI, gli indici statunitensi hanno tirato un sospiro di sollievo lunedì dopo che la votazione è andata per il meglio, al contrario di quanto temuto, aprendo le porte al secondo piano di salvataggio della Grecia. Non sono, invece, stati pubblicati dati economici di rilievo in USA. Il Dow Jones Industrial è salito dello 0,57%, lo S&P500 dello 0,68% e il Nasdaq dello 0,95%.

La presentazione del Presidente Obama delle proposte di bilancio per l’anno fiscale 2013 non ha avuto un grosso impatto sui mercati, nonostante la proposta di portare l’aliquota sui dividendi dal 15% al 39,6% per le persone fisiche che abbiano un reddito superiore ai 200 mila Dollari e per le famiglie che superano i 250 mila.

I segnali di speranza provenienti dall’Europa hanno favorito i ciclici, con Caterpillar salita dell1,7%, e i finanziari, con Bank of America a +2,2% e JPMorgan a +1.8%. I finanziari registrano la migliore performance da inizio anno tra i settori dello S&P500.

È proseguito il rally al rialzo di Apple, che ha superato per la prima volta i 500 Dollari sulle ipotesi degli analisti che la società possa iniziare a distribuire dividendi a breve. La società vanta una cassa pari a 98 miliardi di Dollari e solo negli ultimi quattro trimestri è stata in grado di generarne ben 45 miliardi. Secondo i dati raccolti da Bloomberg, la società, nonostante il forte balzo degli ultimi mesi, quoterebbe al di sotto della valutazione media dal 1990 perché il rialzo del titolo non è stato sufficiente a tenere il passo del rialzo degli utili.