Post promemoria per ricordarvi che la legge di Stabilità 2013, ha prolungato fino alla fine di quest’anno la detrazione Irpef del 50% sulle ristrutturazioni edilizie – il tetto massimo è di 96.000 euro. Dal 2015 la detrazione scenderà al 40% e nell’anno successivo ritorneremo al 36% – e su una spesa massima consentita di 48.000 euro.

Per l’anno in corso abbinata alla ristrutturazione edilizia continua la possibilità di detrarre il 50% sulle spese fino a 10.000 euro per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici (ricordatevi però che in questo caso devono essere di classe A+). Non c’è più la regola che stabilisce che la spesa per arredi non possa superare quella che per i lavori.

La detrazione fiscale può arrivare al 65% per gli interventi di risparmio/efficienza energetica, come il cambio delle caldaie, le operazione di isolamento termico, l’installazione di pannelli solari. Sia in questo che nei casi precedenti bisogna sempre considerare che tale beneficio fiscale deve essere equamente spalmato in dieci anni… Dal 2015 la detrazione scenderà al 50%, mentre per il 2016 non è previsto alcun incentivo per questa finalità.

photo credit: Carlo Armanni via photopin cc