Della serie “A volte ritornano”. Sembra che il governo Letta stia per resuscitare l’Imu sulla prima casa mascherandola da Service Tax.

La solita amara pillola dovrebbe arrivare dopo il consiglio dei ministri del prossimo venerdì  che dovrebbe già occuparsi della sterilizzazione dell’Iva, del finanziamento delle missioni all’estero e dalla manovrina per correggere il deficit – le tre mosse richiedono fondi per tre miliardi di euro.

L’arrivo della Service Tax verrebbe anticipato alla fine del 2013 e sono allo studio diverse ipotesi: c’è chi ipotizza che la nuova tassa dovrebbe portare nelle casse statali quasi tre miliardi di euro – e quindi più del gettito della vecchia Imu, ferma a 2,3 miliardi -, e chi invece immagina un’imposta che andrà a colpire solo le abitazioni di pregio – per un gettito presunto di 1-1,5 miliardi – che finora rientravano tra quelle esentate dall’imposta.

Tra le due soluzioni, a mio avviso è più probabile la seconda. Ma non ci scommetterei sopra.

photo credit: Nebojsa Mladjenovic via photopin cc