Nessuna sospensione dell’Imu per i capannoni industriali.
Dopo un’intera giornata di riunioni, verifiche contabili e contatti tra le varie parti politiche, dall’incontro di ieri tra il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, e il premier Enrico Letta, al quale hanno partecipato anche il vicepremier Angelino Alfano e il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, lo scoglio della copertura finanziaria per sospendere l’acconto Imu di giugno anche per i beni strumentali alle imprese, anche soltanto come anticipo di tesoreria, è rimasto insormontabile. Da quanto si apprende dalla stampa, infatti, le risorse necessarie per estendere la sospensione dell’Imu di giugno anche alle imprese ammonterebbero a circa sette miliardi, per cui il Governo sarebbe intenzionato a intervenire sui beni strumentali direttamente con la riforma della tassazione sugli immobili: riforma da realizzare, come annunciato da Enrico Letta, nei prossimi 100 giorni.
Confermato nell’agenda di domani, invece, il varo del decreto legge con cui l’Esecutivo sospenderà l’Imu di giugno sull’abitazione principale e che dovrebbe servire anche a rifinanziare la Cig in deroga.
Come si legge in una nota di Palazzo Chigi, infatti, il Consiglio dei ministri è convocato per domani 17 maggio alle ore 11 “per l’esame di provvedimenti urgenti in materia di imposta municipale unica (Imu), tutela dei lavoratori in difficoltà ed eliminazione dello stipendio dei membri del governo con status di parlamentare”.