Secondo l’associazione di ricerca Ares, dalla Chiesa sarebbe dovuto arrivare un gettito potenziale superiore ai due miliardi di euro. L’Anci parlava di una somma compresa tra i 500 ed i 700 milioni, mentre una commissione del Tesoro aveva stimato più prudenzialmente che gli immobili a carattere misto più gli edifici non profit avrebbero portato 100 milioni di euro di Imu in più.

Probabilmente hanno tutti esagerato. Tutta colpa del regolamento bizantino del governo Monti che ha stabilito per i contribuenti che ricadono in questa casistica l’autocertificazione. Ci vorrebbero i controlli, ma i sindaci non sono nelle condizioni tecniche e politiche per farli – ovvero non hanno il personale o la volontà per farli, visto che i governi di ogni colore non hanno toccato queste realtà.

Unico elemento positivo di questo pastrocchio è che è stato fatto un primo censimento di chi non paga l‘imposta sugli immobili. A questo elenco mancano gli enti senza fine di lucro e quelli ecclesiastici. Il motivo? Mancava un modulo.

photo credit: D.o.M.e.N.i.C.o (memmo77 su Ruzzle :D ) via photopin cc