Il Cda di Impregilo ha approvato la proposta vincolante presentata il 10 ottobre da Primav per l’acquisto della quota del 19% del capitale di Ecorodovias. Il prezzo pattuito è di 18,59 reais per azione per un valore complessivo pari a 2.358 milioni di reais, corrispondente a circa 900 milioni di euro. La dismissione della partecipazione del 19% in Ecorodovias, si legge in una nota, consentirà di rafforzare la struttura patrimoniale del gruppo, azzerando l’indebitamento finanziario netto e con la posizione finanziaria netta che diventerà positiva. La firma del contratto di cessione è attesa entro il 18 ottobre, mentre il closing dell’operazione potrebbe avvenire entro la fine dell’anno.

Nel frattempo Salini, in occasione della conference call con gli analisti, ha annunciato la possibilità di un dividendo straordinario. L’amministratore delegato di Impregilo ha preannunciato che la società esaminerà una “soddisfazione per gli azionisti” a seguito della vendita del 19% di Ecorodovias. Il costruttore romano ha inoltre aggiunto che questa operazione, che focalizza il general contractor sul suo core business originario, è finalizzata a riportare la società alla legalità e al rispetto del proprio statuto.

Per quanto riguarda la fusione tra la Salini Spa e Impregilo, il costruttore romano ha spiegato che è difficile da realizzare per la contrarietà esposta da Gavio, l’altro socio di maggioranza del general contractor che non gli consente di coglierne tutti i vantaggi. Per Salini l’operazione costituirebbe un importante valore aggiunto per Impregilo ma per ora, aggiunge, l’unica cosa da fare è il raggiungimento di un buon accordo strategico che consenta di realizzare una parte dei target.