Una volta ascoltate tutte le modifiche proposte da monti al sistema previdenziale e a quello fiscale, c’è da capire che sforzo economico è richiesto a ciascuna famiglia.Adesso calcolando tutti gli addizionali e le nuove imposte come l’Imu, considerati anche gli sgravi, come quelli previsti per l’Irap, vale la pena calcolare quanto ogni nucleo famigliare, si troverà a pagare in più rispetto all’anno in corso.

Le prime proiezioni parlano di 635 euro a famiglia, ma vediamo come è costruito questo indicatore. Nel fare la manovra economica sembra che Monti abbia valutato l’impatto economico sulle famiglie, su cui gravano anche una serie di provvedimenti presi in estate dal governo Berlusconi.

È stato perciò detto che ogni famiglia dovrà tirare fuori circa 6.400 euro nei tre anni che vanno dal 2011 al 2014. Quest’ultimo calcolo è stato effettuato dalla Cgia di Mestre.

Il segretario della Cgia spiega così la proiezione. La manovra vale 30 miliardi di euro. Da questo “montante” devono essere sottratti 10 miliardi che il governo intende dedicare allo sviluppo economico. Poi ci sono da togliere anche 4 miliardi che saranno usati per evitare che nel 2012 le agevolazioni siano messe a repentaglio.

Il che vuol dire che in tutto le famiglie si dovranno “spartire” circa 16 miliardi di euro. Considerati 25 milioni di nuclei famigliari e considerati i tempi (3 anni), si stima che ogni famiglia dovrà tirare fuori 635 euro.