Il Papa e la Chiesa in generale, in questi giorni di dura riflessione sui sacrifici economici chiesti agli italiani, sono bersagliati da una serie di accuse in merito al mancato pagamento dell’Ici dalle strutture ecclesiastiche.Dura la replica dei vertici vaticani che ribadiscono la correttezza della Chiesa che ha sempre saldato il conto con lo Stato italiano. A parte le polemiche, Benedetto XVI torna a parlare dell’economia e dei mercati.

Il Papa di rivolte ai soci della Confederazione delle Cooperative Italiane e della Federazione delle Banche del Credito Cooperativo che hanno partecipato alla messa in Piazza San Pietro.

Il messaggio per loro è quello di fare in modo che l’economia e il mercato procedano di pari passo e non siano mai slegati dalla solidarietà.

La messa è stata presieduta da Monsignor Tarcisio Bertone, poi però il Papa ha ricevuto in udienza questi operatori dell’economia e si è rivolto loro spiegando che in campo economico e finanziario, la retta intenzione, la trasparenza e la ricerca dei buoni risultati sono elementi compatibili tra loro.

Occorre dunque che ci sia equilibrio tra la tutela dei singoli cittadini e lavoratori e la promozione contestuale del bene comune. Le cooperative in questo senso sono un esempio da seguire.