Ha dato i suoi frutti l’azione della Guardia di Finanza per contrastate l’evasione fiscale. Nei primi quattro mesi del 2012 sono stati scoperti redditi evasi per reati di frode fiscale per oltre 4 miliardi di euro. Le Fiamme Gialle hanno anche denunciato alle procure italiane 2.226 persone per reati che vanno dalla falsa fatturazione, alla mancanza di dichiarazione fiscale, fino alla falsa contabilità. A questo si aggiunge anche l’evasione dell’IVA per oltre mezzo miliardo di euro.

Le frodi più comuni

Dalle indagini della Guardia di Finanza emerge che al primo posto delle frodi più comuni c’è il ricorso alle fatture false, che riguarda il 27% dei casi, seguito dall’emissione di falsa documentazione fiscale al 19%. Un altro 17% dei soggetti denunciati non ha presentato la dichiarazione dei redditi, mentre nel 14% dei casi ha nascosto o distrutto la contabilità.

Questi 4 miliardi di redditi evasi individuati si aggiungono ai 6 miliardi di euro già scoperti relativi agli oltre duemila evasori totali trovati nel 2012. Nelle operazioni di verifica fiscale la Guardia di Finanza ha anche sequestrato beni quali immobili, denaro, gioielli ed auto per un valore di 160 milioni di Euro.