Proseguirà anche nel corso dell’estate il lavoro della Guardia di Finanza per contrastare l’evasione fiscale. L’azione di controllo nelle prossime settimane si concentrerà sulle case vacanza, spesso “affittate in nero da parte di proprietari che intascano migliaia di euro in contanti, rigorosamente esentasse” secondo il comunicato rilasciato ieri. Con riferimento alle locazioni in nero, inoltre, la Guardia di Finanzia presterà attenzione anche alla situazione delle città universitarie, anche per tutelare gli studenti stessi da ingiuste speculazioni sui prezzi.

I risultati ottenuti negli ultimi mesi

Dal febbraio di quest’anno ad oggi, secondo i dati diffusi dalla GDF, è risultato irregolare il 38% dei controlli sull’emissione di scontrini e ricevute fiscali (7.849 controlli irregolari su un totale di 20.634) e sono stati individuati 1.166 lavoratori in nero, con 24 datori di lavoro inesistenti per il Fisco. Nella lotta alla contraffazione ed alla pirateria, i piani coordinati hanno sinora consentito di scoprire 4.169.877 “falsi”, in diversi casi pericolosi per la salute dei consumatori e denunciare 264 persone.

Spiacevoli sorprese sono state scoperte anche per gli automobilisti. Nell’ultimo fine settimana sono stati controllati 1.300 distributori di carburante e rilevate 201 irregolarità. Nei casi più gravi, 14 gestori sono stati denunciati alle competenti Procure della Repubblica con il sequestro di 75 tra colonnine e pistole erogatrici ed oltre 10.000 litri di carburante. Altri 85 gestori sono stati sanzionati per violazione della disciplina sui prezzi o per la rimozione dei sigilli che assicurano la corretta taratura degli impianti, mentre in altri 104 casi è stata avviata la procedura per la revisione degli erogatori.