Matteo Renzi deve confrontarsi con parecchi no nella compilazione della sua lista dei ministri. Vorrebbe inserire un po’ di nomi fuori dal gioco dei partiti, ma finora gli ha sempre detto male. Niente Alessandro Baricco, e niet anche da Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica

Nutre dubbi anche Fabrizio Barca – anche se non è stato cercato -, il problema principale da risolvere è la casella del ministro più importante: quello dell’Economia. La preferita sarebbe Lucrezia Reichlin, di cui non si conosce ancora la risposta – si è presa qualche giorno.

Il suo nome andrebbe bene al nuovo premier così come al presidente della Repubblica, visto che tra l’altro si tratta della figlia di due suoi antichi compagni nel Pci, Alfredo Reichlin e Luciana Castellina, e piace persino all’uomo più potente d’Europa, ovvero il presidente della Bce Mario Draghi – la Reichlin ha lavorato a lungo nella Banca centrale europea.

Il problema è se dovesse dire no… Si parla di un politico che abbia un curriculum economico di un certo livello, e per ora si fanno solo congetture. Eliminati Romano Prodi, Giuliano Amato e Mario Monti, nelle ultime ore è circolato il nome dell’ex ministro Franco Bassanini, che da diversi anni guida la Cassa Depositi e Prestiti, ma il nome farebbe il gioco di Beppe Grillo e delle altre opposizioni…

E c’è ancora da contrattare con Angelino Alfano per il ruolo di vicepremier e del ministro dell’Interno… Non sono certo i migliori auspici per un successo…

photo credit: BTO – Buy Tourism Online via photopincc