Nella nostra rubrica Glossario, piuttosto che approfondire il significato di alcuni termini tecnici del ramo economico, è stato ritenuto interessante fare un excursus sui termini più frequenti che richiamano momenti passati della vita finanziaria globale. 

La rubrica Glossario ha approfondito l’idea del “nuovo piano Marshall” in riferimento al piano di aiuti organizzato per evitare il fallimento della Grecia e ha preso in considerazione il concetto di “paradiso fiscale“, oggi in voga per evitare la crisi profonda del sistema industriale.

Adesso prendiamo in considerazione un’altra espressione spesso usata per ribadire la portata globale della crisi: è come la “grande depressione del 1929“.

La crisi economica degli anni Venti fu di portata planetaria e anche solo citarla, in un momento in cui i mercati sono sempre più intrecciati tra loro, fa paura. Nel 1929 sono venute a galla numerose storture del capitalismo industriale.

All’epoca entrarono in crisi le “potenze mondiali” come la Germania e gli Stati Uniti dove si è assistito al dimezzamento della produzione industriale e al taglio del volume del commercio mondiale. Come conseguenza della situazione di crisi, molte banche fallirono e gli indici di disoccupazione schizzarono alle stelle.

I libri di storia dell’economia dicono che furono fatti degli errori di politica economica che resero il contrasto alla crisi molto più duro.