Il rimbalzo delle borse europee e di Wall Street di ieri e i risultati migliori delle attese annunciati da Apple hanno favorito un recupero delle borse asiatiche. La migliore performance è stata registrata dal Nikkei salito dello 0,9% grazie al ribasso dello Yen nei confronti delle principali valute internazionali che ha favorito le società esportatrici. L’indice della borsa di Shanghai è salito dello 0,6%. Il Kospi coreano ha chiuso praticamente invariato mentre l’Hang Seng di Hong Kong è arretrato dello 0,1%. L’indice della borsa coreana ha beneficiato solo in parte del balzo al massimo degli ultimi 11 mesi dell’indice di fiducia dei consumatori.

In rialzo i tecnologici

L’andamento dei conti di Apple ha dato slancio alle società che sono fornitrici di componenti per iPhone e iPad. Samsung è salita del 2,3% e Hon Hai Precision industry, società di Taiwan che assembla prodotti e deriva il 37% dei ricavi da Apple, è salita di oltre il 4%. LG display, il secondo produttore a livello mondiale di schermi a cristalli liquidi, è salito del 2,3% dopo avere annunciato che potrebbe tornare all’utile nel secondo trimestre.

A Tokyo, tra le società esportatrici che hanno beneficiato del calo dello Yen, Toyota è salita dello 0,6% e Advantest del 2,4% mentre continua il momento negativo di Sony, arretrata dello 0,7%. La borsa di Hong Kong ha risentito del calo delle società minerarie, nonostante il rimbalzo delle quotazioni delle commodities.