(Finanza.com) Manca le attese degli analisti il trimestre dei Glaxo Smithkline che ha riportato profitti per 1,25 miliardi di sterline, contro gli 1,34 attesi dagli esperti ma comunque in crescita del 13% rispetto al corrispondente trimestre del 2011. La casa farmaceutica britannica ha risentito del calo dell’8% nelle vendite in Europa, dove la crisi ha fatto orientare gli acquisti verso i più economici prodotti statunitensi. Nel secondo trimestre le vendite hanno registrato in totale 6,46 miliardi di sterline, in calo del 3,9%. Si attendono comunque risultati migliori in futuro grazie ai mercati emergenti.