Si celebra oggi la Giornata mondiale del risparmio, legata al nome di un importante economista italiano, Maffeo Pantaleoni, che ne ispirò la proclamazione in un discorso tenuto a Milano nel 1924 in un congresso dell’Istituto Internazionale del Risparmio. Giunta alla sua 90esima edizione, questa manifestazione è all’insegna del risparmio, inteso come come base dell’educazione solo economica della società, ma anche come disciplina fondamentale di tutta la comunità.

Organizzata ogni anno il 31 ottobre a Roma, l’idea nasce grazie a Maffeo Pantaleoni, professore ordinario di Economia politica alle Università di Napoli, Pavia e Roma, esponente dell’economia neoclassica. La Giornata mondiale del risparmio è organizzata dall’Associazione delle fondazioni di origine bancaria e delle casse di risparmio italiane (Acri) e si propone come un’occasione di riflessione e impegno che coinvolgerà istituzioni pubbliche, banche e cittadini e sarà celebrata presso il Palazzo della Cancelleria a Roma. Il titolo dell’edizione di quest’anno è “Il risparmio del’Unione Bancaria Europea”.

Interverranno Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia e delle Finanze, Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, Giuseppe Guzzetti, presidente dell’Acri e Antonio Patuelli, presidente dell’Abi. Dopo ben 90 anni dalla prima edizione della Giornata, il risparmio continua ad essere alla base dell’economia e punta ad essere motore di sviluppo delle comunità, ma il contesto è sicuramente cambiato specialmente a causa dell’aumento dei costi e alla riduzione delle entrate che al giorno d’oggi rende sempre più difficile riuscire a gestire i propri guadagni e difficilmente consente a tutti di riuscire a “mettere da parte qualcosa”.

photo credit: aquila460 via photopin cc