Ben 225 euro a testa. E’ il calcolo teorico di quanto ogni contribuente italiano (sul totale di 17,8 milioni di soggetti) ha pagato in media per l’Imu sulla prima casa. Il dipartimento ministeriale delle Finanze ha diffuso i dati sul gettito della contestatissima imposta sugli immobili (qui come chiedere il rimborso). In totale si tratta di 23,7 miliardi di euro. Per la sola abitazione principale l’introito ammonta a circa 4 miliardi. Addirittura il gettito complessivo è andato oltre le previsioni: il sottosegretario all’Economia, Vieri Ceriani, ha infatti fatto sapere che l’incasso è stato superiore di 1,2 miliardi.

L’introito proveniente dagli immobili diversi dall’abitazione principale risulta pari a 17,9 miliardi. Per quanto riguarda invece le imprese, l’incasso è di 6,3 miliardi. Ripartito fra le 700mila persone giuridiche iscritte alle camere di commercio, si tratta di un esborso medio di 9.313 euro. Per le piccole e microimprese, si tratta di un vero salasso.

Tornando alle persone fisiche e all’abitazione principale, il versamento medio per le fasce di reddito fino a diecimila euro è stato di 187 euro; chi guadagna tra 26mila e 55mila euro ne ha versati 267; è invece di 629 euro il versamento dei contribuenti che dichiarano un reddito superiore a 120mila euro.