Nel giorno del Black Friday, che apre il weekend successivo al giorno del Ringraziamento e segna l’inizio dello shopping natalizio, i futures americani a mezz’ora dall’apertura sono positivi. Al momento il contratto sul Dow Jones segna un +0,33%, quello sul Nasdaq un +0,54% e quello sullo S&P 500 un +0,27%. Oggi la seduta di Wall Street sarà più breve del solito proprio per permettere a tutti di approfittare di una giornata che è un importante indicatore stagionale dei consumi interni americani.
Anche i mercati sul fronte europeo procedono in positivo, nonostante il Consiglio d’Europa non abbia ancora raggiunto un accordo sul bilancio 2014-2020.Gli spread restano stabili, con il differenziale tra Btp e bund decennali tedeschi che viaggia sotto quota 330 punti base.

Nessun dato macro in arrivo oggi dagli Stati Uniti. Sul fronte corporate ad essere particolarmente sotto i riflettori sono le società legate ala distribuzione, data la giornata rilevante sotto il profilo dello shopping. C’è chi, come Target e Toys R Us, ha saggiamente deciso di anticipare l’apertura a giovedì note per evitare la ressa e chi, come Wal-Mart, ha iniziato gli sconti del Black Friday a partire dalle 20 di ieri. Secondo un sondaggio condotto dall’International Council of Shopping Centers-Goldman Sachs, le vendite nel Black Friday ’12 saliranno del 3,8% a 11,4 miliardi di dollari. Secondo una ricerca Reuters/Ipsos, due consumatori su tre spenderanno la stessa cifra di un anno fa (o non sanno quanto spenderanno), il 21% spenderà meno e l’11% incrementerà lo shopping. Nel complesso, la National Retail Federation stima che le vendite nella stagione festiva 2012 potrebbero crescere del 4%.

Attenzione anche al titolo Research in Motion, che nel pre-market ha totalizzato un +12% grazie ai dati sulle vendite dei nuovi smartphone della casa canadese, rivelatisi migliori del previsto.